.

.

.

02.09.15

"donde no puedas amar, no te demores"

(kahlo)

10 marzo 2013

1217


..
i lineamenti mi s’afflosciano come per aderire a un’ipotesi-profeziachesautoavvera di gravità insospendibile.. ‘insieme a loro la volontà’ starebbe bene sul testo, ma è imprecisione.. quella è sempre stata cronologicamente in vantaggio, se si parla di vertigine.. è come un’esigenza da un po’, d’altronde.. quella di smetterla di sentirmi separata dalla terra.. impropria bilancia.. il mio busto che unisce, le mie mani che tengono, la mia testa che valuta.. le tarature in ritardo fanno vittime.. lineamenti, volontà, pro e contro assuefatti a scambi di ruolo.. intanto è domenica un’altra volta.. e tutto quello che sembra non esserlo, alla fine magari davvero non lo è, causa.. almeno non proprio.. a volte è in parte parte in.. parte in seconda che (anchese) non c’è la neve.. parte in anticipo ch’evita le code.. parte in salita ché ama il momento perfetto in cui i piedi sanno sincronizzare frizioni e gas.. è ancora domenica e la domenica è parte in causa.. io sono bilancia.. i lineamenti sono flosci.. la volontà è in vacanza.. e i pro fanno i contro.. la taratura è ancora molto molto molto, al di là da venire..   


Nessun commento:

Posta un commento